eventi

Segui le attività, le iniziative e gli appuntamenti del PON Per la Mia Scuola

domenico

domenico

 È dedicato a “Il sostegno ai percorsi di resilienza dei minori” il secondo webinar di Indire che si terrà il 23 marzo, alle ore 15, per approfondire le tematiche relative alla lotta al disagio, riduzione e prevenzione della dispersione scolastica e formativa (iscrizioni fino a esaurimento posti sul sito http://pon20142020.indire.it/portale/webinar/).

Un appuntamento della durata di un’ora che vedrà la partecipazione di dirigenti e docenti dell’Istituto Comprensivo Dusmet Doria di Catania e dell’Istituto Comprensivo Giovanni Pascoli 2 di Napoli, per poter conoscere, attraverso la testimonianza diretta dei protagonisti, le esperienze più significative realizzate dalle scuole nell’ambito del PON 2014-2020.

Gli obiettivi del ciclo di webinar, tenuti dall’Indire, sono la condivisione dei risultati emersi dal monitoraggio degli interventi realizzati e il supporto all’attività di progettazione e attuazione, anche in preparazione della Programmazione 2021-2027.

 

Apre i battenti la quarta edizione di Fiera Didacta, la manifestazione promossa da Indire e dedicata al mondo della scuola e della formazione che quest’anno si terrà, in formato interamente digitale, da martedì 16 a venerdì 19 marzo. L’evento riunisce i principali esperti e le istituzioni scolastiche del nostro Paese.
Tra gli espositori virtuali, il Ministero dell’Istruzione sarà presente in tre aree dedicate: Sala Congressi, PNSD (Piano Nazionale Scuola Digitali) e URP (Ufficio Relazioni con il Pubblico).
Ampio spazio anche al PON Per la Scuola che partecipa alla kermesse con una serie di materiali digitali relativi alla Programmazione e al suo avanzamento, messi a disposizione del pubblico sia nell’area riservata alla comunicazione del Programma 2014-2020, sia attraverso il nuovo canale “Il PON Per la MIA Scuola” che espone i risultati del Programma dal punto di vista dei beneficiari (studenti, insegnanti, dirigenti scolastici, famiglie ecc.).
Un’edizione “a distanza”, quella di Didacta 2021, prima del ritorno alla fiera fisica nel prossimo anno, ma ricca di eventi formativi immersivi, dove la community scolastica potrà stringere relazioni globali, all’interno di una piattaforma digitale che consentirà incontri virtuali e attività di business matching fra gli operatori. 
Sono circa 160 gli eventi previsti fino al 19 marzo, tra convegni, workshop immersivi e seminari che attraversano diverse tematiche e discipline: dall’ambito scientifico e umanistico a quello tecnologico, fino allo spazio dell’apprendimento. Un fitto calendario suddiviso per diverse tipologie di attività rivolte ai dirigenti, agli insegnanti delle scuole dell’infanzia, primaria, secondaria di primo e di secondo grado, fino al mondo della ricerca e a quello universitario.

 

Bullismo e cyberbullismo continuano purtroppo ad imporsi come fenomeni di emergenza educativa preoccupanti.

Le azioni di sensibilizzazione al fenomeno del bullismo giovanile – declinato anche nella sua variante cyber - sono ormai frequenti e risultano maggiormente significative se messe in campo proprio dagli studenti che si rivolgono a tutta la comunità per combattere l’indifferenza spesso associata gli atti di bullismo.

Anche i progetti finanziati dal PON Per la Scuola hanno offerto l’opportunità di affrontare l’argomento, sia ascoltando la voce dei ragazzi sia favorendo la presa di coscienza e l’assunzione di responsabilità dei giovani studenti, figli dei social network, dell’instant messaging e delle identità virtuali.

Ne è un esempio il progetto “Bridging the gap: the clam” dell’Istituto Domenico Romanazzi di Bari che, nell’ambito delle azioni di inclusione sociale e lotta al disagio, ha inteso soffermarsi sulle varie forme di aggressione perpetrate attraverso la rete che, spesso, si rivelano essere solo la continuazione di violenze subite tra i banchi. Una volta alimentata la discussione, i 22 ragazzi sono stati accompagnati nell’ideazione di un Video Spot Pubblicità Progress in cui hanno vestito i panni delle vittime e dei “bulli”, riaffermando il messaggio che “i social possono essere virtuali, ma il dolore è reale”

Vittime e bulli sono i protagonisti anche della storia raccontata dai ragazzi dell’Istituto Comprensivo G.Rogasi di Pozzallo (Rg) che, nel loro “Cyberbullismo? Anche no!” hanno realizzato dei veri e propri cartoon. Analizzando i fatti di cronaca, ragionando sulle logiche sottostanti i fenomeni di cyberbullismo e sforzandosi di declinare la tematica in un linguaggio comprensibile ai più, hanno rappresentato in forma animata alcune possibili storie di violenza a cui è stato assegnato un lieto fine: la rivincita dei bullizzati, ottenuta grazie anche al supporto delle comunità sociali che non sono rimaste indifferenti.

 

 Il secondo focus su “Le Storie del PON” ci racconta come costruire un prototipo di robot “a distanza”. E’ questo l’obiettivo del progetto realizzato dagli studenti dell’Istituto Comprensivo di Squinzano (LE), dal titolo “DID_AMA_TICA”. Un’esperienza di robotica educativa avviata prima dell’emergenza sanitaria e proseguita in DAD.

A partire dallo sviluppo dei fondamenti della robotica e del pensiero computazionale, l’esperto, il Prof. Vincenzo Pichero, ha illustrato agli alunni i concetti di base della programmazione a blocchi, avvalendosi di applicativi e strumenti digitali quali Scratch, mBlock (per impiegare i dispositivi programmabili) e Autodesk Tinkercad (per la costruzione dei circuiti e l’analisi dell’interazione tra virtuale e reale).

Nonostante le difficoltà dovute all’emergenza sanitaria, sono state ricercate nuove strategie per la prosecuzione della didattica e delle attività di laboratorio, ad esempio l’utilizzo di webcam per mostrare agli studenti le simulazioni effettuate con il robot.

Inoltre, la limitazione dettata dall’assenza fisica degli studenti ha trovato soluzione nello svolgimento di attività associate alla condivisione, sulle piattaforme di e-learning, non solo dei materiali didattici ma anche di idee, scambiate nei momenti dedicati al brainstorming.

Tra le attività svolte nell’ambito del modulo, è risultata particolarmente significativa la simulazione “iorestoacasa”, con la quale si è dimostrata l’incidenza del rispetto delle disposizioni sanitarie sulla diffusione dell'epidemia.

Un’esperienza significativa che dimostra come l’approccio rivolto alla ricerca e all’innovazione, insieme all’utilizzo degli strumenti a disposizione, siano stati fondamentali non solo per far fronte all’emergenza, ma anche nella sperimentazione di modalità didattiche che potranno avere importanti applicazioni anche in futuro.

 

Ecco le voci dei protagonisti della seconda tappa:

https://www.youtube.com/watch?v=CDThWMWn4Go 

Pubblicato il Quaderno n.7 delle Piccole Scuole, dal titolo “Apprendimento intervallato per competenze. Nuove frontiere per una didattica inclusiva”, uno strumento a disposizione dei docenti e dedicato al metodo AIC (Metodo Intervallato per Competenze), pratica di origine anglosassone per facilitare il processo di apprendimento, basata sulle ultime scoperte della ricerca neuroscientifica.

La pubblicazione, che rientra nella serie “Strumenti”, fa parte dell’iniziativa editoriale “I Quaderni delle Piccole Scuole”, curata da Indire nell’ambito del Progetto finanziato dal PON Per la Scuola (Asse 1) nel 2016, allo scopo di sostenere la permanenza della scuola nei territori geograficamente svantaggiati e per contrastare il fenomeno dello spopolamento.

Il Quaderno, che offre un approfondimento sul quadro teorico del Metodo Intervallato per Competenze e un kit su come creare una lezione utilizzando questa metodologia didattica, è disponile online sul sito di Piccole Scuole

 

Un esempio di come “...l’ampliamento dell’offerta formativa dimostri la forza, la ricchezza e il valore della scuola”.

Ecco la testimonianza della prima scuola che si è raccontata e che raccontiamo! L'Istituto Professionale per l’Enogastronomia e l’ospitalità Alberghiera “Filippo De Cecco” di Pescara, i cui studenti, tutor e docenti sono stati intervistati il 27 maggio 2020, nel corso dell’ultima lezione del modulo “PON Anno Zero”, nell'ambito del Progetto "Comunico per essere...cittadino del mondo".

La scuola, intervenuta anche nel corso dell’evento annuale 2020, ha concluso le attività finanziate nell’ambito del PON FSE che sono state utili a rafforzare le competenze linguistiche e, in particolare, l’apprendimento della lingua madre, attraverso attività giornalistiche, seppur sperimentate in modalità DAD durante il primo, improvviso, lockdown nazionale.

Nonostante fossero fuori dalle aule tradizionali, le studentesse e studenti hanno approfondito l’utilizzo degli strumenti utilizzati dai professionisti dell’informazione, e nel corso delle loro lezioni hanno intervistato lo chef abruzzese Niko Romito, unendo così le competenze linguistiche alla formazione professionale che solo un maestro stellato della cucina poteva trasferire loro.

 

Ecco le voci dei protagonisti:

https://www.youtube.com/watch?v=ZE5dJgBR8HQ&feature=youtu.be

Il Comune di Imola celebra il Giorno della Memoria con una serie di appuntamenti che coinvolgono in prima persona gli istituti scolastici e gli studenti del territorio.

Nel corso della mattinata, l’Istituto Comprensivo 7 “L.Orsini” ha presentato il pannello in plexiglass “Imola Ebraica”, che troverà sede definitiva in Via dei Giudei, nel centro storico di Imola, a disposizione dell’intera collettività. Il pannello propone la mappa interattiva della città con tanto di approfondimenti, che potranno essere attivati digitalmente attraverso QR Code, sulla storia della comunità ebraica imolese a partire dalle sue origini, in particolare tra Medioevo e Rinascimento.

Il lavoro della scuola, realizzato in osservanza delle disposizione anti Covid19 e presentato anche in diretta Facebook sulla pagina del Comune di Imola, prende spunto da un’esperienza progettuale maturata con il modulo formativo PON Per la Scuola “Custodi di Voci nascoste”, finanziato con l’Avviso Potenziamento dell'educazione al patrimonio culturale, artistico, paesaggistico del 2017. Il progetto, chiuso nel 2019, ha impegnato 23 studentesse e studenti nei primi giorni di settembre 2019 per un totale di 32 ore.

Nell’ambito dell’attività progettuale volta ad approfondire il tema dell’archiviazione del patrimonio e della conoscenza, anche attraverso i nuovi strumenti digitali, gli studenti sono stati coinvolti in diverse attività “fuori dalla scuola”: dalle visite presso l’archivio storico della città, all’uscita di trekking urbano per scoprire la topografia del quartiere ebraico fino alla visita guidata alla mostra del Museo nazionale dell’Ebraismo italiano e della Shoah di Ferrara.

Inoltre, nell’ambito del progetto PON, gli studenti sono stati seguiti, in collaborazione con i docenti dell’Istituto, anche da una esperta, la professoressa Katharina Maria Koch del Books within books: Hebrew Fragments in European Libraries.

È stato pubblicato il nuovo opuscolo “I Numeri del PON Per la Scuola” che evidenzia  lo stato di avanzamento del Programma Operativo, dettagliato sulla base dei singoli Avvisi.

Una rappresentazione in cifre delle numerose misure messe a disposizione delle scuole, per il miglioramento degli ambienti e delle attrezzature per la didattica (finanziati dal FESR) e per il rafforzamento delle competenze degli allievi (finanziati dal FSE) che illustra anche i risultati finora raggiunti in termini sia di partecipazione delle scuole che di efficacia degli interventi.

Sono 36 gli Avvisi emanati dall’inizio della Programmazione ad oggi, tra i quali quelli in risposta all’emergenza sanitaria da Covid-19: gli Avvisi Smart Class che nel 2020 hanno finanziato progetti per un importo complessivo di oltre 80 milioni di Euro, fornendo agli studenti più di 135mila device; gli Avvisi per l’Adeguamento di Spazi e Aule che hanno finanziato interventi di “edilizia leggera” per un importo complessivo di oltre 300 milioni di Euro e l’Avviso Supporti didattici che ha sostenuto l’acquisto di libri e kit didattici per 146 milioni di Euro.

Oltre alle azioni avviate nel 2020, i dati presentati nell’opuscolo forniscono un quadro complessivo dei risultati raggiunti dal Programma dall’inizio della programmazione ad oggi. Per quanto riguarda gli interventi infrastrutturali, finanziati dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, il PON Per la Scuola ha consentito di realizzare più di 2.500 laboratori didattici innovativi e oltre mille laboratori all’interno dei licei musicali, coreutici e sportivi.

Rispetto agli interventi formativi a valere sul Fondo Sociale Europeo, i dati evidenziano un’accelerazione delle attività nell’ultimo anno, soprattutto in relazione alle azioni di inclusione sociale, rafforzamento delle competenze di base e valorizzazione del patrimonio culturale.

L’opuscolo è scaricabile dalla sezione Informazione e pubblicità del sito web  https://www.istruzione.it/pon/ponkit.html#sec_pub

 

 Si è tenuto ieri, 14 gennaio, in diretta streaming, il convegno organizzato dalla Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina per presentare gli interventi per il contrasto alla povertà educativa, in collaborazione con il Terzo Settore e il mondo dell’associazionismo.

Il fenomeno della povertà educativa, reso ancora più acuto dall’emergenza sanitaria Covid e che in molti casi si associa a fenomeni di povertà economica, aumenta il divario sociale e rischia di non garantire le pari opportunità di accesso ai sistemi educativi sanciti dalla Costituzione.

Hanno preso parte ai lavori i rappresentanti di Unicef Italia, Save the Children Italia, l’Associazione Maestri di Strada Onlus, Coldiretti e il Forum Nazionale Terzo Settore. Intervenuti inoltre i Dirigenti scolastici di scuole particolarmente impegnate nella costruzione di alleanze educative e nella lotta alla dispersione scolastica e alla legalità: l’Istituto comprensivo Eugenio Montale di Scampia con il progetto “La Scuola in movimento” testimoniato anche grazie all’esperienza dell’ insegnante di Judo Gianni Maddaloni, l'Istituto comprensivo Portella della Ginestra di Vittoria con l’esperienza delle fattorie didattiche e l‘Istituto Vittorio Veneto di Napoli con il progetto “La scuola fuori la scuola”.

Il Ministro in apertura della giornata ha sottolineato l’impegno a sostenere il diritto allo studio per tutti, contrastando il fenomeno dell’abbandono, lavorando per il miglioramento delle competenze di base e fornendo supporto anche materiale (devices per la didattica a distanza, mensa, acquisto libri etc.).

Tra le risorse finora impegnate per promuovere una scuola inclusiva, il Ministro ha fatto riferimento al contributo del PON Per la Scuola che finanzia interventi rivolti a questi obiettivi e che, in periodo di emergenza sanitaria, ha finanziato tra gli i tanti interventi: l’acquisto di dispositivi, connessioni e software per garantire la frequenza alle lezioni di didattica a distanza, l’adeguamento strutturale degli edifici scolastici per il rientro in sicurezza e l’acquisto di libri e altri supporti didattici al momento della riapertura delle scuole, con finanziamenti complessivi che superano i 500 milioni di euro.

Tutte le informazioni sul convegno sono disponibili a questo link.

Sabato, 05 Dicembre 2020 19:35

Al via il sito #ILPONPERLAMIASCUOLA

Lunedì 14 dicembre alle ore 11.30 si svolgerà in streaming l’Evento Annuale 2020 del PON Per la Scuola, occasione per raccontare le attività e i progetti delle scuole, oltre ai risultati finora raggiunti dalla programmazione 2014-2020, che ha visto anche un forte contributo del Programma nel contrasto all’emergenza sanitaria.

L’evento coincide con il lancio del nuovo sito ilponperlamiascuola.istruzione.it, la nuova piattaforma di incontro a disposizione di dirigenti scolastici, docenti e studenti dove sarà possibile scambiare e condividere le esperienze significative realizzate grazie alla partecipazione al Programma PON e che mira a diventare che un canale funzionale allo sviluppo e al potenziamento della capacità di comunicazione delle scuole.

Cuore del sito, e dunque focus dell’evento, sarà un viaggio virtuale lungo tutta la Penisola e le isole, dove consultare, regione per regione, i progetti realizzati dalle scuole beneficiarie dei finanziamenti del Programma PON Per la Scuola.  Si va dalla presentazione di un vero e proprio simulatore di volo realizzato dall’ITT Marconi di Padova, alla control room lab dell’istituto Nautico Caracciolo di Procida, per poi raccontare il progetto sul giornalismo condotto in pieno lockdown dai ragazzi dell’Istituto Alberghiero De Cecco di Pescara con la testimonianza dello chef Niko Romito.

Si conclude con le testimonianze dirette della prof.ssa Daniela Lo Verde, dirigente scolastico dell’IC Falcone di Palermo, nominata Cavaliere al Merito per l’impegno durante la pandemia da Covid 19 e del prof. Paolo Malinconico, del Liceo Statale Gropius di Potenza che ha saputo gestire con efficacia, a distanza, tutti i moduli didattici legati alle discipline artistico-musicali.

Tante sono le "modalità non convenzionali" di formazione sperimentate dai ragazzi e i laboratori realizzati che hanno reso possibile lo sviluppo di competenze professionali, così come tante sono le esperienze di rete portate avanti nei vari territori, cui il nuovo spazio on line promosso dal Ministero dell’Istruzione intende dare voce. 

Pagina 1 di 2